Etichette2

adattamento Agostino Massone Alberto D'Auria Alessandro Beghini Alexander Batthyany amore Amy Fischer Smith Andrea Morigi anima e corpo Anna Terruwe Anselm Grun Antonino Stagnitta Antonio Giuliano antropologia approccio esistenziale aridità Aristotele assiologia Avvenire Carlo Alfredo Clerici Carlo Nesti combattimento spirituale Confessione conflitto conoscenza Conrad Baars contemplazione Contra Gentiles convegno corso di psicologia cattolica Craig Steven Titus credenze didattica Domenico Bellantoni don Curzio Nitoglia don Ennio Innocenti don Paulo Ricardo Elena Canzi emozioni Ermanno Pavesi esperienza Evagrio Pontico Fabrizio Mastrofini filosofia formazione Francesco Bertoldi Franco Poterzio Frank J. Moncher Freud Friedrich Nietzsche frustrazione genitorialità Gesù terapeuta Giancarlo Ricci Giovanni Cavalcoli O.P. Giovanni Cucci Giovanni Paolo II Giovanni Pardini ideale di sé Ignacio Andereggen impulsi inconscio Integrity Restored IPS Jacques Lacan Jean-Claude Larchet John A. Gasson Jorge Olaechea laboratorio di psicologia cristiana Luisa Fressoia magistero Magnda B. Arnold malattie spirituali Mario Ghiozzi Martin F. Echavarria medioevo metanoeite Mimmo Armiento mistica modello di mente normalità omogenitorialità omosessualità Padri Orientali particolari Paul Vitz percezione Peter Kleponis Pio XII pornografia presentazione libri psichiatria psicoanalisi Psicologia Contemporanea Psicologia della felicità psicologia e vita cristiana psicologia positiva psicologia tomista psicologia umanista psicoterapia Puri di Cuore Radio Maria recensione libri relativismo Renzo Bonetti Roberto Marchesini Rudolf Allers Sean Kilcawley spiritualità Stefano Parenti storia della psicologia Tommaso d'Aquino Tredimensioni UCCR video virtù vis cogitativa Wenceslao Vial Willem Duynstee workshop Zelmira Seligmann
"Una psicologia medica cattolica deve essere una vera sintesi delle verità contenute nei sistemi già esistenti e inaccettabili visto il loro spirito di materialismo puro e le verità della filosofia e la teologia cattolica. Questo lavoro di sintesi non può essere compiuto che da persone istruite e nella medicina o psicologia e nella filosofia, e che possiedono una esperienza pratica e personale assai grande: cioè questo lavoro deve essere fatto da medici, specialisti di psichiatria, dunque da scienziati cattolici laici. (Rudolf Allers, 1936, lettera a P. Agostino Gemelli).

giovedì 17 giugno 2010

INIZIA LA NOSTRA AVVENTURA!

Negli ultimi decenni centinaia di psicologi si sono formati sulla base di testi che assumono a principio fondamentale l'impossibilità di un connubio proficuo tra cattolicesimo (fede) e studio dell'uomo (scienza). Ne sono esempio le seguenti parole del prof. Luccio: "per molti secoli il pensiero umano occidentale ha escluso che l'uomo potesse essere oggetto di indagine scientifica. (...) Questa impossibilità affermata di studiare l'uomo è tipica del pensiero cristiano medioevale. (...) Il pensiero medievale è infatti del tutto alieno dallo studio dell'uomo, di cui nega addirittura la possibilità" (in Legrenzi, 1997, pag. 35-39, Il Mulino, Bologna).

Eppure molti psicologi del passato e del presente - come Allers, Echavarria, Gonzales, Magliozzi, Stagnitta, Brennan, Mazzoccato, ecc.. - nonché i più recenti studi sul medioevo e sulla cristianità - come Stark (2009; 2010, Lindau, Torino), Euresis (2005, Itacalibri, Castel Bolognese), ecc. - sembrano contraddire tali affermazioni e riportarle all'interno di una cornice culturale profondamente ed ideologicamente schierata contro la religione e la cristianità in particolare.

Negli ultimi anni sembra inoltre emergere un terreno d'incontro tra la psicologia e la prospettiva cristiana: l'antropologia. Di fronte alle nuove sfide della modernità, come la comprensione dell'omosessualità, dei legami familiari, delle vecchie e nuove sintomatologie di origine culturale, del ruolo terapeutico, del metodo di colloquio, delle nuove tecnologie associate alla vita umana, e tante altre tematiche, la psicologia sembra dividersi ed arrancare: nasce l'esigenza di andare più a fondo per capire chi è, che "cos'è" l'uomo stesso. E' ciò che viene messo a tema, ad esempio, da una recente rivista americana (Edification 3.1, 2009) - il cui articolo principale ci proponiamo di proporvi al più presto.

Scopo di questo semplice blog è, allora, dar voce a tali autori, cosicché - all'interno di un principio universale di "libertà di pensiero" - possano trovare spazio ed accoglienza anche nel panorama italiano.

Nessun commento:

Posta un commento