Etichette2

adattamento Agostino Massone Alessandro Beghini Alexander Batthyany amore Amy Fischer Smith Andrea Morigi anima e corpo Anna Terruwe Anselm Grun Antonino Stagnitta Antonio Giuliano antropologia approccio esistenziale aridità Aristotele assiologia Avvenire Carlo Alfredo Clerici Carlo Nesti combattimento spirituale Confessione conflitto conoscenza Conrad Baars contemplazione Contra Gentiles corso di psicologia cattolica Craig Steven Titus credenze didattica Domenico Bellantoni don Curzio Nitoglia don Ennio Innocenti don Paulo Ricardo Elena Canzi emozioni Ermanno Pavesi esperienza Evagrio Pontico Fabrizio Mastrofini filosofia formazione Francesco Bertoldi Franco Poterzio Frank J. Moncher Freud Friedrich Nietzsche frustrazione Gesù terapeuta Giovanni Cavalcoli O.P. Giovanni Cucci Giovanni Paolo II Giovanni Pardini ideale di sé Ignacio Andereggen impulsi inconscio Integrity Restored IPS Jacques Lacan Jean-Claude Larchet John A. Gasson Jorge Olaechea magistero Magnda B. Arnold malattie spirituali Mario Ghiozzi Martin F. Echavarria medioevo metanoeite Mimmo Armiento mistica modello di mente normalità omogenitorialità omosessualità Padri Orientali particolari Paul Vitz percezione Peter Kleponis Pio XII pornografia presentazione libri psichiatria psicoanalisi Psicologia Contemporanea Psicologia della felicità psicologia e vita cristiana psicologia positiva psicologia tomista psicologia umanista psicoterapia Puri di Cuore Radio Maria recensione libri relativismo Renzo Bonetti Roberto Marchesini Rudolf Allers Sean Kilcawley spiritualità Stefano Parenti storia della psicologia Tommaso d'Aquino Tredimensioni UCCR video virtù vis cogitativa Wenceslao Vial Willem Duynstee workshop Zelmira Seligmann
"Una psicologia medica cattolica deve essere una vera sintesi delle verità contenute nei sistemi già esistenti e inaccettabili visto il loro spirito di materialismo puro e le verità della filosofia e la teologia cattolica. Questo lavoro di sintesi non può essere compiuto che da persone istruite e nella medicina o psicologia e nella filosofia, e che possiedono una esperienza pratica e personale assai grande: cioè questo lavoro deve essere fatto da medici, specialisti di psichiatria, dunque da scienziati cattolici laici. (Rudolf Allers, 1936, lettera a P. Agostino Gemelli).

martedì 8 febbraio 2011

NOTE SU RUDOLF ALLERS ED IL SUO PENSIERO

Grazie alla disponibilità di Jorge Olaechea Catter, vengono pubblicate le due introduzioni alla recente raccolta contenente quattordici articoli di Rudolf Allers (Work and Play. Collected papers on the Philosophy of Psychology (1938-1963) a cura di Alexander Batthyany, Jorge Olaechea Catter, and Andrew Tallon; Marquette University Press). Come è già stato ribadito in questo spazio, Allers è il più importante autore nel campo della psicologia e psicoterapia cattolica. Questa prima introduzione delinea il personaggio di Allers descrivendone la biografia. Come è facile evincere dalle parole seguenti, non è solamente il pensiero dell'autore ad essere umanamente interessante.
Ringrazio personalmente Jorge Olaechea Catter per la disponibilità e per il suo lavoro, che si rivela a servizio di tutti. La traduzione è mia.


Note su Rudolf Allers ed il suo pensiero

Di Alexander Batthyany & Jorge Olaechea

1. Dai primi anni fino alla prima guerra mondiale

Rudolf Allers è nato a Vienna il 13 Gennaio 1883, di estrazione ebrea, figlio di un dottore, Mark Allers, e di sua moglie, Augusta Grailich. Fu battezzato quello stesso anno alla Votivkirche di Vienna. Il giovane Allers ricevette la sua educazione primaria a casa, e benché fosse stato istruito al Cattolicesimo, successivamente avrebbe riconosciuto che non aveva sviluppato una fede reale dalla famiglia (Hoehn, 1948). Coltivò un grande interesse per l’arte, la musica, le lingue – in casa Allers si parlava tedesco, inglese e francese – e per i libri.
   Dopo aver finito i suoi studi in una scuola di secondo grado centrata sulle materie umanistiche, nel 1902 Allers iniziò a studiare medicina, convinto “che la scienza medica potesse rappresentare per il suo spirito una strada maestra al mondo degli esseri umani, una chiave preziosa che gli avrebbe permesso di scoprire i misteri della vita umana introducendolo nelle sacre profondità dell’anima” (Titone, 1957, pag. 21). Sebbene fosse per lui possibile frequentare le lezioni di Sigmund Freud all’Università di Vienna, la psicoanalisi non gli interessò fino al 1908, anno in cui fu nominato assistente alla Neural and Mental Clinic dell’Università Tedesca a Praga (sotto la guida di Arnold Pick). Lì incontrò il Dott. Otto Potzl, che introdusse Allers al pensiero psicoanalitico, di cui dopo poco sarebbe diventato un “seguace entusiasta” (Allers, 1922, pag. 15). Nel 1909 divenne psichiatra e fu trasferito alla Clinica Psichiatrica di Monaco. Lì lavorò come assistente di Emil Kraepelin, uno dei fondatori della moderna psichiatria.
   L’anno precedente al suo trasferimento, nel 1908, sposò Carola Meitner, di famiglia ebraica, che era la sorella della famosa scienziata Lise Meitner. Durante il periodo a Monaco, Allers entrò in contatto con il circolo di filosofi fenomenologi che vivevano lì, specialmente con Max Scheler e le sue teorie antropologiche, distanziandosi così dalle idee della psicoanalisi.
   Nel 1913 Allers iniziò il lavoro che avrebbe amato di più: l’insegnamento all’università, come psichiatra istruttore alla Scuola Medica dell’Università di Monaco. La Prima Guerra Mondiale, tuttavia, interruppe il suo insegnamento e fu inviato a lavorare come chirurgo al fronte, mansione che gli fece ottenere una onorificenza della Croce Rossa. Allers scrisse il suo primo libro in questo periodo, intitolato Uber Schadelshusse: Probleme der Klinik und der Fursorge (1916). In esso Allers redasse la sua ricerca sui traumi fisici e psicologici accusati dai soldati affetti da ferite da arma da fuoco durante la guerra. Lo sforzo di trovare collegamenti tra problemi fisiologici e psicologici è già visibile in questo suo primo lavoro. Il tempo che dedicò agli scritti filosofici avrebbe voluto essere non meno cospicuo, come egli ricorda: “Durante la guerra (1914-1918); ed i lunghi periodi di relativa inerzia nel perimetro dell’ospedale, fui persuaso che la filosofia Tomistica offrisse la base più adeguata per lo sviluppo di un sistema “antropologico filosofico” come base di una teoria della psiche normale ed anormale” (Titone, 1957, pag. 27).

2. A Vienna dal 1918 al 1938

Con la pace del 1918 “Allers prestò servizio nella Scuola Medica dell’Università di Vienna, lavorando prima nel dipartimento di fisiologia sensoriale e psicologia medica e poi (dal 1927) in quello di psichiatria. Fu in grado di coniugare l’insegnamento con la ricerca di laboratorio e la pratica privata. Fu sempre in contrasto al suo complesso background di insegnamento-ricerca-terapia che lui percepì le varie scuole di psichiatria che riconoscevano Vienna come il loro centro di diffusione. Divenne sempre più consapevole che le interpretazioni ed i metodi psichiatrici avevano sollevato domande molto generiche sull’uomo, e che le posizioni verso cui conducevano erano cariche di implicazioni filosofiche e religiose” (Collins, 1964, pag. 282-283).
    Il primo argomento che egli esaminò in profondità fu la psicoanalisi. Il 26 Aprile 1920, Rudolf Allers espose il suo resoconto osservativo Uber Psychoanalyse davanti all’Associazione di Psicopatologia e Psicologia Applicata di Vienna. Come uditori vi erano personaggi come Schilder, Potzl, Neumann, Pappenheim, Roffenstein, Federn, Hitschmann, e Stransky, che erano i grandi pensatori della psicologia e psichiatria del tempo. Le sue critiche alla psicoanalisi furono approfondite ed ampliate in uno dei suoi lavori più importanti, scritto in inglese nel 1940 ed intitolato The Successful Error. A Critical Study of Freudian Psychoanalysis.
    Secondo Allers, la psicoanalisi si basa su di un errore logico grossolano: “La psicoanalisi, più di una volta, dà per scontato ciò che sostiene di provare e furtivamente introduce le sue idee preconcette nei suoi ragionamenti così da dare l’impressione che quelle idee siano il risultato di fatti e di principi evidenti” (Allers, 1940, pag. 33). Questo errore, chiamato nel campo della logica petitio principii, fu individuato da Allers nei principi presupposti dalla psicoanalisi, nell’idea di “resistenza” e di “associazione”, e nel modo di interpretare i fatti analizzati dove “l’interpretazione e la speculazione fantasiosa prendono il posto dell’osservazione e dell’analisi sperimentale” (Allers, 1940b, pag. 256-257).
   Allers critica la posizione di base di Freud sull’uomo: “La psicoanalisi è una concezione profondamente materialistica. Essa sta in piedi e cade con il materialismo. Chiunque si senta impossibilitato ad accettare la filosofia del materialismo non può che rifiutare la psicoanalisi. A causa del suo materialismo, la filosofia di Freud e della sua scuola è, in ciò che concerne l’etica, un semplice edonismo. Si aggiunge ad un estremo soggettivismo che inoltre chiude gli occhi dello psicoanalista verso fatti e verità oggettive. A causa del suo soggettivismo essa è impersonale ed ignora l’essenza della persona umana” (Allers, 1940b, pag. 255).
    Allo stesso tempo, Allers ha familiarizzato con le idee di Alfred Adler, al quale si riferisce in una lettera: “L’elemento più attraente della sua psicologia era, a mio avviso, l’accento dato a “l’uomo nella sua integrità”, considerato nella pienezza delle sue relazioni e nella finalità della vita umana, e di conseguenza, nella sua tendenza ad agire con il comportamento – anche il comportamento sessuale – come l’espressione delle tendenze fondamentali della personalità” (Titone, 1957, pa. 27). Allers quindi entrò nella Società di Psicologia Individuale, che avrebbe lasciato in seguito, nel 1927. Nella Società egli costituì, insieme a Karl Novotny, un gruppo di lavoro medico che avrebbero chiamato Arbeitsgemeinschaft Arzte (Lévy, 2002, pag. 27). Inoltre entrò in contatto con Oswald Scharz, uno dei pionieri della medicina psicosomatica, contribuendo sensibilmente al volume edito da Schwarz sulla Psychogenesis and Psychoterapy of Bodily Symptoms (Vienna, 1925). Quello stesso anno il giovane Frankl avrebbe collaborato con Allers nel suo laboratorio al lavoro sulla fisiologia dei sensi.
    L’accordo con il pensiero di Adler, comunque, non sarebbe durato molto a lungo. Dopo esser diventato un tutor psichiatrico, Allers decise di presentare le sue differenze con la psicologia Adleriana in modo così esplicito da portare all’esclusione sua e di Schwarz dalla Società Adleriana di Psicologia Individuale nel 1927.
    Negli anni seguenti, la maggior parte dei quali trascorsi a Vienna, Allers si dedicò – assieme all’insegnamento ed alla ricerca – alla pubblicazione di numerosi lavori, inclusi alcuni dei suoi fondamentali.
    Il primo e più voluminoso, Das Werden der sittlichen Person: Wesen und Erziehung des Charakters (1929a), scritto soprattutto per un utilizzo pratico (come sottolineato da Allers nella sua introduzione all’edizione italiana), fonda la sua pratica psicologica sullo studio della natura e della genesi del carattere umano. [1]
    Per Allers, il carattere è qualcosa fondamentalmente variabile, né semplice né immutabile. Questa è la premessa, secondo lui, per una teoria dell’educazione che cerchi di andare al di là di una semplice trasmissione di contenuto, o l’addestramento di una singola facoltà, nell’individuo. La concreta applicazione di questo tipo di formazione del carattere costituisce il contenuto dei rimanenti capitoli di questo lavoro.
    Nel lavoro di Allers, il tentativo di ripensare la psicologia e le sue applicazioni basate su di una prospettiva Cristiana dell’uomo è già presente in modo consistente. E’ interessante in questo senso, ritornare alle sue parole conclusive: “Noi crediamo di aver reso abbastanza chiaro che non era nostra intenzione spiegare in questo libro tutti i problemi della formazione del carattere e del training con l’aiuto dei recenti sviluppi della psicologia, e che non è possibile affermare che l’elemento soprannaturale possa essere escluso. Al contrario, noi crediamo di aver dimostrato i limiti dei mezzi naturali; e crediamo che una psicologia puramente naturalistica, sebbene completa e sebbene ben fondata, debba esaurirsi a meno che non si co-ordini con la conoscenza ed i principi religiosi. Noi abbiamo visto come i problemi che sorgono dalla semplice psicologia pratica e dalla caratteriologia aprano immediatamente problemi universali, insolubili se non in termini di metafisica, e che questi problemi ci conducono fino all’interno della religione rivelata. Senza l’obbligo in ogni modo di coinvolgere noi stessi in questi problemi ultimi, noi siamo continuamente ed inevitabilmente interrogati da essi” (Allers, 1931b, pag. 375).
    Durante gli anni seguenti Allers pubblicò molti lavori: Christus und der arzt (1931a), The New Psychologies (1932), Sexual-Padogogik. Grundlagen und Grundlinien (1934), Heilerziehung bei Abwegigkeit des Charakters: Einfuhrung, Grundlagen, Probleme und Methoden (1935a), Temperament und Charakter: Fragen der Selbsterziehung (1935b).
    In questi lavori Allers sviluppa e consolida le sue precedenti idée sul carattere e sulla psiche umana in generale, sulla psicologia e sulle sue applicazioni terapeutiche. Queste idee inoltre chiariscono gli interessi che occuperanno la ricerca futura di Allers, insieme con il suo interesse per le tematiche filosofiche che sono le fondamenta di una autentica visione dell’uomo. Una delle prime pagine di The New Psychologies rivela la consapevolezza di Allers di questo punto: “La rinascita della metafisica nel nostro tempo mostra una configurazione caratteristica: il primo e più intenso interesse si concentra sul problema dell’uomo; la ricerca più intensa è quella di un’antropologia. La grande importanza attribuita al giorno d’oggi a tutte le questioni psicologiche è un esempio di questa indagine. Oggi gli uomini devono rispondere a questa sola domanda, posta forse in modo più onesto oggi quanto mai in precedenza: cosa è l’uomo?” (Allers, 1932, pag. xviii).
    Mosso da questo interesse per la filosofia, Allers accettò l’invito di Padre Agostino Gemelli a perseguire un dottorato in filosofia presso l’Università Cattolica di Milano, che ricevette nel 1934. “Il suo ‘ritorno a scuola’ – dice Collins – gli permise non solo di approfondire la sua conoscenza delle cure dell’uomo della filosofia greca e moderna, ma anche di accrescere il suo intenso interesse in ciò che i medievali avevano da dire circa l’uomo e le sue funzioni nell’universo” (Collins, 1964, pag. 283).
    Allo stesso tempo, alcuni importanti personaggi hanno visitato Allers a Vienna. Hans Urs von Balthasar abitò per diversi mesi nella casa di Allers mentre completava i suoi studi in Germania. Edith Stein visse per qualche tempo in compagnia di Rudolf, sua moglie Carol, e sue foglio Ulrich (nato nel 1920), durante il suo soggiorno a Vienna nel 1931. Come Allers ricorda in una lettera e Hilda Graef, biografa della santa-filosofa tedesca, Edith trascorse la maggior parte del tempo in casa sua con loro. Insieme essi condivisero molti interessi ed esplorarono i seguenti argomenti: l’interesse per la filosofia e l’educazione della persona, il desiderio di articolare il meglio della tradizione filosofica medievale con gli sviluppi della filosofia contemporanea, e il problema di come tradurre San Tommaso in tedesco in un modo che fosse sia chiaro che fedele all’originale. [2]
     Un’altra visita, probabilmente nel 1935, sarebbe stata molto importante per il futuro di Allers. Il dottore e psichiatra, Francis Braceland, fu colpito dai lavori psicologici di Allers che erano a quel tempo circolati in inglese. Dopo aver appreso di Allers, Braceland fu impressionato anche “dalla conoscenza ampiamente umanistica della storia e delle lingue, della matematica e della musica” (Collins, 1964, pag. 284). Fu in gran parte responsabile del trasferimento di Allers con la sua famiglia a Washington, quando la situazione politica nella Germania nazista divenne per loro insopportabile. Così durante l’estate del 1937, Allers ricevette un invito da Padre Ignatius Smith, O.P., decano della Scuola di Filosofia alla Catholic University of America, per diventare professore presso questo importante istituto. Spostandosi a Washington nel 1938, incominciò ad insegnare psicologia agli studenti di filosofia.

3. Dalla Catholic University of America alla Georgetown University

Lì Allers iniziò una nuova fase della sua vita. Come professore della Catholic University of America, Allers incontrò immediatamente il mondo della filosofia Cattolica, a quel tempo in piena fioritura negli Stati Uniti. Già nel 1938 presentò un resoconto al Congresso dell’American Catholic Philosophical Association sul concetto di causa in psicologia.
    Sarebbe impossibile, in queste poche pagine, tentare un sommario dei contributi di Allers durante questi anni, che si estendono dalle questioni psicologiche riguardanti il counseling giuridico e matrimoniale, alle interessanti analisi sulla filosofia della mente, agli studi storici come il suo famoso articolo (di circa 100 pagine) Microcosmus: From Anaximandros to Paracelsus, per il giornale Traditio. In aggiunta alla pubblicazione del libro su Freud e la Psicoanalisi precedentemente menzionato, durante questo primo decennio a Washington, Allers avrebbe pubblicato solo altri due lavori: Self Improvement (1939) e Character Education in Adolescence (1940a). Il resto delle sue pubblicazioni si trovano in giornali ai quali regolarmente contribuiva.
     Self Improvement è presentato come un lavoro eminentemente pratico in cui Allers cerca di mostrare “che molto più delle difficoltà e dei problemi l’uomo deve affrontare l’origine della sua personalità” (Allers, 1939, pag. v). Non è un semplice “manuale di auto-aiuto”, ma una vera fenomenologia di alcuni problemi che Allers pensava che dovessero essere compresi da chiunque ricercasse una crescita personale. Un paragrafo della prefazione rivela le fondamenta di tutto il lavoro: “Questo libro è basato sulla filosofia Cristiana e sulla morale Cristiana. Esse forniscono la direzione ai ragionamenti, ma non sono il punto dal quale questi ragionamenti iniziano. Tutto quello che è spiegato nei capitoli seguenti è basato sull’esperienza. Sono fatti non speculazioni” (Allers, 1939, pag. v).
     Il valore pratico e l’esperienza concreta non si contraddicono assumendo una posizione particolare sull’uomo. Le due prospettive devono sempre andare insieme. Questa idea cardine nel pensiero di Allers (che può essere rintracciata sino ai suoi primi lavori) rappresenta un’intuizione fondamentale che deve essere recuperata dalla psicologia di oggi. La ricerca di un’adeguata prospettiva della persona umana è ora più che mai doverosa nel campo delle scienze psicologiche.
    Character Education in Adolescence è la collezione di una serie di articoli di Allers editi su The Homiletic and Pastoral Review. E’ un interessante contributo all’educazione degli adolescenti, che sono il focus dei suoi più spiccati tratti psicologici. Ancora una volta la ragione per cui Allers utilizza abitualmente l’esperienza concreta dei maschi adolescenti, che deve essere articolata in termini antropologici, è per offrire un’educazione che miri al loro sviluppo sano. Di seguito poche selezioni del testo offrono un riassunto del suo lavoro:
Ogni provvedimento pratico, quindi, è determinato dalle finalità che è indirizzato a realizzare. I provvedimenti educativi, in particolare, dipendono da ciò che si ritiene essere vero scopo di educazione. La scienza è assolutamente ed essenzialmente incapace di scoprire qualcosa riguardo agli scopi. Se qualcuno ci dice che dobbiamo perseguire questo o quel obiettivo a causa di qualche affermazione della scienza, possiamo essere sicuri in anticipo che è in errore; può, sicuramente, avere ragione nel raccomandarci certi obiettivi, ma ha ragione, non per il suo ricorso alla scienza, ma nonostante essa (Allers, 1940a, pag. 5-6)
Uno può, certamente, sviluppare una certa tecnica di educazione; molte cose che riguardano l’educazione possono essere imparate ed insegnate. Ma l’essenza della pedagogia è qualcosa che non può essere appresa dalle lezioni, qualcosa che non può essere spiegata nei libri. L’autorevolezza educativa è basata sulla relazione personale tra l’educatore e l’educato (Allers, 1940a, pag. 178).
Allers veniva sinceramente apprezzato dai suoi studenti alla Catholic University of America. Abbiamo la testimonianza di James Collins, pupillo di Allers dal 1941 al 1944, nel suo articolo per il giornale The New Scholasticism dopo la morte del maestro:
A causa di un alto sviluppo della memoria e di un delicato senso della misura, Allers era abile a presentare i suoi materiali in uno sviluppo tematico progressivo senza basarsi su note scritte, anche quando proponeva citazioni a voce delle fonti. Dava l’impressione di essere totalmente ed appassionatamente coinvolto nell’argomento in discussione, che lui esaminava con una modalità metodica e con un entusiasmo intellettuale che era altamente contagioso tra i suoi studenti. Essi percepivano un particolare impegno per le sue lezioni, che richiedevano di più e non di meno se stavano ad apprezzare ciò che cosa stava accadendo. Allers non aveva bisogno di predicare sull’integrazione delle discipline in una mente libera, dal momento che il suo esempio personale era lì da osservare e giovarsene. L’atto di insegnare era per lui un modo di realizzare, ed incoraggiare altri a realizzare, un’unificazione di scientifico ed umanistico, storico e speculativo, modi dell’esperienza umana. Il carattere pratico ed esemplare del suo modo di insegnare era molto più che efficace per il fatto che non veniva mai diviso dal trattamento dei problemi a portata di mano (Collins, 1964, pag. 288).
    Nel 1948, dopo 10 anni di insegnamento, Allers fu invitato alla Georgetown University dall’allora decano della Scuola di Filosofia, Padre Hunter Guthrie, SJ, conosciuto per aver guidato la facoltà in un serbatoio di pensiero cattolico di grande rilevanza approfittando dei contributi degli immigranti europei, incluso Allers.
    Lì insegnò antropologia filosofica. Quelli sarebbero stati anni di intenso studio tanto che continuarono sino alla fine. Nei primi anni ’50 Allers avrebbe scritto: “Non ho ancora scritto cosa avrei desiderato, cioè, una filosofia comprensiva (integrale) della natura umana” (Titone, 1957, pag. 27). E non lo fece mai in modo sistematico. I corsi all’università, però, gli offrirono lo spazio per sviluppare le sue idee.
     Come sottolinea Collins, fu durante gli anni alla Georgetown, inoltre, che Allers fu in grado di mettere a fuoco gli interessi di tutta la vita per la fenomenologia e l’esistenzialismo, specialmente come legami alla psichiatria” (Collins, 1964, pag. 286). Questo interesse avrebbe dato i suoi frutti nel volume Existentialism and Psychiatry: Four Lectures (1961), una collezione di lezioni che Allers tenne all’Institute of Living (Hartford) dove Braceland era direttore.
    Nel 1957 Allers divenne Professore Emerito, ma non abbandonò l’insegnamento fino al termine della sua vita. Nel 1952 sua moglie Carol morì. Tre anni dopo aver fatto ritorno in Europa come Fulbright Lecturer, dando conferenze all’Università di Parigi, Toulouse, Vienna e Ginevra.

4. Gli ultimi anni di Allers

Gli ultimi anni di Allers sarebbero stati anni di onorificenza per il professore Austriaco quasi ottantenne. Nel 1959 tenne il discorso introduttivo alla Metaphysical Society of America sulla questione dell’oggettività e della soggettività (Allers, 1958/1959). Nel 1960 ricevette The Cardinal Spellman-Aquinas Medal dall’American Catholic Philosophical Association. In quello stesso anno la Georgetown University gli conferì il grado onorario LL.D.
    Dopo il suo ritiro, Allers tenne le sue lezioni prima nella casa di suo figlio Ulrich (in Falls Church), e quindi nella Carroll Manor, una casa di cura a Hyattsville, dove fu ricoverato per problemi al cuore e per l’artrite che aveva reso cagionevole la sua salute. Come una nota di un giornale riferì, “i suoi studenti prendevano il bus fino a Carroll Manor, dove insegnava in un solarium che le suore Carmelitane avevano trasformato in una classe”. “Anche in questi ultimi anni quando una disabilità in crescita lo limitava alla sedia a rotelle, continuò ad insegnare e la sua mente rimase eccezionalmente acuta”, ricordava il Ye Domesday Book della Georgetown University.
    Dal 1960 al 1963 Allers si dedicò alla scrittura del suo ultimo libro, Abnorme Welten. In esso Allers sviluppa la sua conoscenza della psicologia e della psichiatria, nel tentativo di descrivere il “mondo” di coloro che sono afflitti da quei disturbi, aiutando a creare una nuova strada per il trattamento psicoterapeutico e psichiatrico.
    Allers morì il 14 Dicembre 1963, di polmonite.
    La riscoperta del lavoro di Allers può essere enormemente preziosa per lo studio e l’applicazione al campo della psicologia. Si spera che questo breve lavoro possa servire ad attirare l’attenzione su questo grande pensatore, che è senza dubbio rilevante se si tiene conto dell’estensione e delle implicazioni delle sue affermazioni, ma che è oggi “inspiegabilmente dimenticato” (Figari, 2005).
Quando il giovane Frankl preparò il suo primo lavoro sulla filosofia e psicoterapia – un lavoro che sarebbe stato pubblicato dalla Hirzel Press negli anni ’20 – Oswald Schwarz scrisse nella prefazione che questo lavoro avrebbe rappresentato per la psicoterapia ciò che la Critica della Ragion Pura di Kant rappresentava per la filosofia: una svolta radicale. Molti anni dopo, nel 1958, Frankl affermò in una lettera a Olivier Brachfeld che a suo avviso, e “con un criterio ben più maturo”, questa frase avrebbe dovuto essere attribuita a Rudolf Allers (Brachfeld, 1958, pag. 2).

Note
[1] Allers ha già trattato del tema del carattere in alcuni precedenti contributi (1924, 1929b).
[2] Allers avrebbe tradotto in tedesco il De ente et essentia (1936) di San Tommaso e il Monologion e Proslogion (1936) di Sant’Anselml. Nel 1946 produsse una traduzione in inglese di un testo di Edith Stein: Wege der Gottesrkenntnis: Die “symbolische Theologie” des Areopagiten und ihre sachlichen Voraussetzung (1946).

Bibliografia

Allers R. (1916), Über Schädelschüsse: Probleme der Klinik und der Fürsorge, Berlin, Springer.
———. (1922), Über Psychoanalyse: Einleitender Vortrag mit daranschliessender Aussprache im Verein für angewandte Psychopathologie und Psychologie in Wien, Berlin, S. Karger.
———. (1924), Charakter als Ausdruck. Ein Versuch über psychoanalytische und individualpsychologische Charakterologie. In E. Utitz (a cura di), Jahrbuch der Charakterologie, vol. I, Berlin, Pan Verlag Rolf Heise, pp. 1-39.
———. (1929a), Das Werden der sittlichen Person: Wesen und Erziehung des Charakters, Freiburg, Herder.
———. (1929b), Wille und Erkenntnis in der Entwicklung und Beeinflussung des Charakter. In W. Eliasberg (a cura di), Bericht über den III. Allgemeinen ärztlichen Kongress für Psychotherapie in Baden-Baden, 20.-22. April 1928, Leipzig , S. Hirzel, pp. 113-124.
———. (1931a), Christus und der Arzt, Augsburg, Haas und Grabherr.
———. (1931b), The Psychology of Character, London, Sheed & Ward
———. (1932), The New Psychologies, London, Sheed & Ward [edizione italiana: Psicologia e cattolicesimo, D’Ettoris Edizioni, 2009, Crotone, ndt].
———. (1934), Sexual-Pädagogik: Grundlagen und Grundlinien, Salzburg-Leipzig, Pustet.
———. (1935a), Heilerziehung bei Abwegigkeit des Charakters: Einführung, Grundlagen, Probleme und Methoden, Einsiedeln-Köln, Benziger.
———. (1935b), Temperament und Charakter. Fragen der Selbsterziehung, München, Ars Sacra Josef Müller.
———. (1939), Self Improvement, London, Burns Oates & Washbourne.
———. (1940a), Character Education in Adolescence, New York, Wagner.
———. (1940b), The Successful Error: A Critical Study of Freudian Psychoanalysis, New York, Sheed & Ward.
———. (1944), Microcosmus: From Anaximandros to Paracelsus, Traditio, vol. 2, pp. 319-407.
———. (1958/1959), “The Subjective and the Objective,” The Review of Metaphysics, vol. 12, pp. 503-520.
———. (1961a), Existentialism and Psychiatry: Four Lectures, Springfield, Charles C. Thomas.
Anselm von Canterbury (1936), Leben, Werke und Lehre, Hegner, Wien 1936.
Brachfeld O. (1958), “Rudolf Allers, la ‘Tercera Escuela Vienesa’ y la pedagogía sexual.” In R. Allers, Pedagogía sexual y relaciones humanas: Fundamentos y líneas principales analítico-existenciales, a cura di O. Brachfeld, Barcelona, Luis Miracle, pp. 9-48.
Collins J. (1964), “The Work of Rudolf Allers,” The New Scholasticism, vol. 38, pp. 281-309.
Figari L.F. (2005), An Inexplicably Forgotten Thinker: The Reappearance of Dr. Allers, “Rudolf Allers Information Page” (http://www.rudolfallers.info/figari.html).
Frankl, V.E. (2000), Recollections. New York: Perseus
Hoehn M. (1948), Rudolf Allers. In Id. (a cura di), Catholic Authors, Newark, St. Mary’s Abbey, pp. 6-7.
Lévy A. (2002), “Rudolf Allers – ein katholischer Individualpsychologe.” In A. Lévy e G. Mackenthun (a cura di), Gestalten um Alfred Adler: Pioniere der Individualpsychologie, Würzburg, Königshausen & Neumann, pp. 27-36.
Sister Theresia Benedicta a Cruce (1946), “Ways to Know God: The ‘Symbolic Theology’ of Dionysius the Areopagite and its Factual Presuppositions,” The Thomist, vol. 9, pp. 379-420.
Thomas von Aquin (1936), Über das Sein und das Wesen: De ente et essentia. Deutsch-lateinische Ausgabe. Übersetzt und Erläutert, Hegner, Wien 1936.
Titone R. (1957), Rudolf Allers, psicologo del carattere, Brescia, La Scuola.

Nessun commento:

Posta un commento